Principio 7.

Il mare è ancora largamente inesplorato

Solo lo 0,05 per cento dei fondali marini è mappato con una definizione dettagliata. In tempi recenti il pubblico si è reso conto con stupore di questa scarsa conoscenza grazie ad alcuni incidenti aerei clamorosi: i rottami non sono ancora stati individuati, malgrado la grande tecnologia e i mezzi messi in campo. Quello che conosciamo dei fondali marini fornisce mappe meno dettagliate di quelle che disponiamo per la Luna!

Perché, appunto, l’oceano è in gran parte inesplorato, soprattutto nelle sue profondità.

E la conoscenza dell’oceano è fondamentale per conoscere il nostro Pianeta, i suoi meccanismi e quindi la nostra vita e il modo per preservarla al meglio.

Come dice Sylvia Earle, oceanografa di straordinaria importanza e valore: “La più grande minaccia per l’oceano è l’ignoranza”.